Notizie

Varato il decreto festività

Nuova stretta per proteggere la popolazione italiana dalla variante Omicron!

Varato il decreto festività

Con il decreto festività arriva una nuova stretta per proteggere la popolazione italiana dalla variante Omicron! Il Consiglio dei Ministri ha varato il decreto che contiene tutte le misure necessarie che saranno in vigore fino al 31 gennaio 2022 e comunque per il perdurare dello stato di emergenza, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 24 dicembre scorso.

Ma cosa contiene nello specifico il decreto festività?

Si parte dall’obbligo di utilizzo di mascherine all’aperto, anche in zona bianca, passando per l’obbligo di Ffp2 all’interno di cinema, teatri e in occasione di eventi sportivi. L’obbligo si estende anche ai mezzi di trasporto, compreso quello pubblico locale quindi bus, tram e metro. Dal 30 dicembre 2021, poi, l’accesso a piscine, palestre e la pratica di sport di squadra sono permessi solo a chi ha il super green pass ossia vaccinati e guariti, ad esclusione dei minori di 12 anni e i soggetti esentati dalla campagna vaccinale.

Per quanto tempo resterà in vigore il decreto festività?

Nel testo del decreto festività è espressamente specificato che, fino alla fine dello stato di emergenza, per gli eventi e le competizioni sportive che si svolgono al chiuso e all’aperto è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo Ffp2. Vietato inoltre il consumo di cibi e bevande in stadi e palazzetti.

Qual è l’obiettivo del decreto festività?

«L’obiettivo del decreto Festività vuole provare a rispondere alla crescita dei contagi delle ultime ore che è figlia dell’arrivo della variante Omicron». Con queste parole il Ministro Speranza ha spiegato il motivo di ulteriori restrizioni aggiungendo che «numerosi studi scientifici confermano la grandissima importanza delle mascherine, importanza che cresce davanti ad una variante che ha fatto riscontrare una significativa capacità di aumentare il contagio».

Il nostro invito è dunque a rispettare le indicazioni governative e continuare a mantenere alta la guardia per preservare la salute di tutti!

Leggi altri articoli: http://webtv.csain.it/notizie/

Seguici su : Facebook Instagram Youtube

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controlla anche
Close
Back to top button